Il gusto della salute

i segreti della nutrizione

Dieta macrobiotica: cosa mangiare

Dieta macrobiotica: cosa mangiare

Sappiamo che il cibo influenza le nostre emozioni e può anche influenzare il modo in cui dormiamo o del nostro sonno, ma lo sapevate che alcune persone credono che a seguito di una dieta specifica si può effettivamente portare la pace e l’equilibrio alla nostra vita? Si chiama dieta macrobiotica e il suo scopo è quello di portare l’illuminazione, o almeno una qualche forma di sano benessere, mediante l’insegnamento di come scegliere in modo pensieroso ciò che si mangia.

Sembra una cosa un po’ filosofica, vero?

La è quasi come un mix tra il buddismo e le diete occidentali come il veganismo. I sostenitori della dieta macrobiotica ritengono che è possibile vivere più a lungo e di evitare le malattiese si segue il loro modo rigoroso di mangiare. Anche il nome “macrobiotica” deriva dalle parole che significano “lunga vita“, combinando la parole greche macro e bio.

Ero sicuramente incuriosito così ho deciso di fare una piccola ricerca sulla dieta segreta responsabile di una vita lunga e sana …

Che cosa è la dieta macrobiotica?

Dieta macrobiotica: cosa mangiare

I guru affermano: “nella dieta macrobiotica le persone sono incoraggiate a mangiare regolarmente, masticare il cibo molto bene, ascoltare i loro corpi, rimanere attivi, e mantenere un atteggiamento mentale pimpante e positivo“.

Credono che sul fatto che basando la vostra dieta principalmente su cereali e verdure, e limitando la quantità di prodotti di origine animale, la salute e la felicità potranno trarre notevoli benefici.

Se questo non basta ora andiamo su qualcosa di spirituale …

Secondo una rivista di salute molto famosa (di cui non voglio fare nome), l’associazione dei sapori del cibo segue un Yin e un Yang per raggiungere l’equilibrio, allo stesso modo molte filosofie orientali vedono questo equilibrio simile in natura.

I cibi Yin sono detti “passivi” e includono alimenti freddi e dolci.

I cibi Yang, invece, sono “aggressivi” come gli alimenti caldi o salati.

La vostra dieta dovrebbe includere un equilibrio tra alimenti yin e yang, facendo attenzione a non mangiare troppi dolci, o troppi snack salati.

I sostenitori della dieta macrobiotica, o macrobiotiche, credono che tutto il cibo, come quello che è cresciuto in natura senza pesticidi, contiene energia. Che l’energia viene trasferita al nostro corpo quando lo mangiamo. Fattori come dove è stato coltivato il cibo, come è stato gestito, eccetera, tutti influenzano l’energia del cibo, che a sua volta ci colpisce quando lo mangiamo.

A me, sembra che la dieta macrobiotica è in realtà più di uno stile di vita, o anche una filosofia, ma è tutto incentrato intorno a nutrizione olistica (L’olismo è una posizione filosofica basata sull’idea che le proprietà di un sistema non possano essere spiegate esclusivamente tramite le sue componenti).

Dal momento che la dieta macrobiotica esiste da secoli, non c’è un menu dieta specifica. Piuttosto, ci sono linee guida generali su ciò che si dovrebbe o non dovrebbe mangiare. L’obiettivo è quello di mangiare e bere qualunque cosa che dia al vostro corpo un equilibrio verso la pace.

Cosa si può mangiare durante la dieta macrobiotica?

Dieta macrobiotica: cosa mangiare

La macrobiotica pone una grande enfasi su come reperire il cibo locale e naturale da mangiare. Idealmente, tutto il nostro cibo deve venire da dentro un raggio di massimo 500 700 chilometri da casa, che è ciò che la popolare tendenza “a chilometro zero” predica.

Tutto dovrebbe anche essere un alimento completo, nulla deve essere elaborato, e dovrebbe essere tutto organico.

L’orientale Michio Kushi, uno dei fondatori del Kushi Institute, che molti considerano essere una mecca per il movimento macrobiotico, ha creato questa piramide alimentare standard per la dieta macrobiotica:

Dieta macrobiotica: cosa mangiare

Cereali integrali

Dieta macrobiotica: cosa mangiare

Come si può vedere dalla piramide, i cereali integrali sono alla base di ogni dieta macrobiotica. I sostenitori della macrobiotica ritengono che il 40-60% dell’alimentazione della vostra dieta, dovrebbe venire da cereali integrali biologici come:

  • avena
  • orzo
  • segale
  • miglio
  • mais
  • grano saraceno
  • riso integrale

Tuttavia, si noti il piccolo angolo in basso a destra della piramide. La macrobiotica permette di mangiare occasionalmente pasta e altri cereali parzialmente lavorati.

Salendo la piramide, veniamo alle verdure.

Le verdure

Dieta macrobiotica: cosa mangiare

Il 20-30% della dieta macrobiotica dovrebbe consistere di verdure di produzione locale. Tuttavia, a differenza della dieta vegetariana dove c’è l’illimitata varietà di verdure che si può mangiare, nella macrobiotica si proibisce di mangiare alcuni tipi di verdure.

Si possono mangiare tutte queste verdure: Cavolo verde, cavoli, broccoli, cavolfiori, zucca, crescione, prezzemolo, cavolo cinese, senape, scalogno, cipolla, ravanello, rape, bardana, carote e zucca invernale.

Tuttavia, si può solo mangiare queste verdure di tanto in tanto, circa due o tre volte la settimana: cetriolo, sedano, lattuga e erbe come aneto ed erba cipollina.

E per ultimo, ma non meno importante, si può mangiare queste verdure con parsimonia: zucchine, carciofi, asparagi, germogli di bambù, barbabietole, avocado, melanzane, finocchi, ginseng, pepe verde o rosso, spinaci, okra, patate, rabarbaro, patate, bietole, e pomodoro.

Chi sapeva che ci potevano essere tante regole sulle verdure?

Ma non abbiamo ancora finito. Si devono seguire alcune linee guida specifiche su usare o cucinare queste verdure.

Per esempio, la maggior parte delle scelte vegetariane dovrebbero essere leggermente al vapore, scottate, o saltate con olio non raffinato, spremuto a freddo. Solo una piccola parte delle verdure dovrebbe essere mangiata come insalata cruda. E una parte ancora più piccola è riservata per la salamoia.

Fagioli e alghe

Dieta macrobiotica: cosa mangiare

Questa cricca improbabile dei fagioli, prodotti di soia e alghe dovrebbe costituire il 5-10% di ciò che si mangia. Queste fonti di proteine di origine vegetale dovrebbero sostituire le proteine animali in una tipica dieta standard.

Ma ancora una volta, non tutti i fagioli sono uguali; azuki, ceci, lenticchie sono ok per l’uso quotidiano, ma altri fagioli devono essere mangiati solo occasionalmente. Tenete a mente che si dovrebbe mangiare solo una volta al giorno i fagioli.

Per quanto riguarda i prodotti di soia, è possibile scegliere tra le opzioni di soia come il tofu, tempeh, natto, e miso. Questi dovrebbero essere opzioni di cibo regolari da mangiare una o due volte alla settimana.

Se avete possibilità di avere alghe ricche di ferro come la nori, wakame, kombu, dulse, e agar-agar, sentitevi liberi di mangiarle insieme con la quantità di fagioli in modo da rimanere all’interno delle linee guida del gruppo della piramide. Sicuramente si desidera mangiare in più le alghe perché forniscono al corpo calcio, beta carotene e vitamina B-12.

Noci, frutta secca e semi

Dieta macrobiotica: cosa mangiare

Anche se sappiamo che noci e frutta secca sono piene zeppe di grassi sani e omega, la macrobiotica ne consente di mangiarne un paio di manciate ogni settimana. Questo vale anche per i semi.

Frutta secca e semi dovrebbero essere leggermente tostate. Frutta secca come castagne, mandorle, noci, arachidi e noci pecan sono considerate come le migliori. La macrobiotica consigliano anche zucca, sesamo e semi di girasole.

Al contrario, è necessario utilizzare con parsimonia o per niente le noci del Brasile, anacardi, noci di macadamia, nocciole e pistacchi.

Pesce e frutti di mare

Dieta macrobiotica: cosa mangiare

Anche se i pesci non fanno necessariamente parte di diete vegane o vegetariane, troverete tipi di pesce grasso nelle diete mediterranee perché quei pesci forniscono al cuore acidi grassi omega che aiutano a ridurre il colesterolo.

Tuttavia, nella macrobiotica non si fa uso di pesce grasso.

Se avete intenzione di mangiare in modo occasionale frutti di mare, nella dieta macrobiotica, deve essere appena pescato, pesce bianco locale, non grasso come merluzzo, sogliola, halibut, carpe, o la trota.

Si può mangiare pesce fino a due o tre volte a settimana.

Frutta

Dieta macrobiotica: cosa mangiare

Qualcosa che mi ha sorpreso è stato quanto poco, nella dieta macrobiotica, si tende a mangiare frutta. Secondo il loro piano, si dovrebbe mangiare solo frutta di tanto in tanto o un paio di volte a settimana.

Ricordate: tutta la frutta deve essere raccolta a livello locale. Prestare attenzione alle stagioni per vedere che tipo di frutta è in realtà in crescita durante quel periodo.

È possibile fare la vostra scelta di albero da frutta o frutti di bosco come more, lamponi, mele, pere, pesche, susine, albicocche, mirtilli, fragole, uva, melata, anguria, e ciliegie.

Ma non c’è tanto amore per la frutta tropicale nel mondo della macrobiotica.

Secondo la macrobiotica, si dovrebbe mangiare frutta tropicale come cocco, banana, datteri, fichi, papaia, ananas, mango e agrumi con parsimonia o per niente.

Il che ci porta al motivo per cui la dieta macrobiotica non piace a molti.

Carne, pollame, prodotti lattiero-caseari, e altri

Dieta macrobiotica: cosa mangiare

Decidere di seguire una dieta macrobiotica richiede un sacco di impegno e dedizione. Quando si è nella transizione verso una dieta macrobiotica, è permesso mangiare carne, pollame e prodotti lattiero-caseari di tanto in tanto fino a quando non si è completamente in grado di passare direttamente ai soli cereali integrali e verdure.

Tuttavia, alcuni seguaci della macrobiotica consentono una indulgenza mensile su questi prodotti di origine animale, se ancora si ha voglia di mangiarli.

A rigor di termini, però, questi sono gli alimenti proibiti più comuni della dieta macrobiotica:

  • Tutti i prodotti lattiero-caseari
  • Tutte le carni
  • Tutti i volatili
  • Uova
  • Cibo piccante
  • Zucchero raffinato
  • Succo di frutta
  • Bibite gassate
  • Alcol
  • Caffè
  • Miele
  • Cioccolato

Il ragionamento alla base del divieto di questi alimenti è che questi alimenti specifici possono perturbare lo squilibrio del nostro corpo e causare troppo Yin o troppo Yang.

Alcune pratiche della Macrobiotica potrebbero sorprendervi

Dieta macrobiotica: cosa mangiare

I veri seguaci macrobiotici non usano l’elettricità! Francamente io non so se riuscirei a sopravvivere senza un forno o frigorifero.

Alcuni cucinano solo con pentole o utensili che sono fatti da materiali che sono a base naturale, come la ghisa o argilla. Quando i macrobiotici cucinano, i metodi privilegiati sono leggermente al vapore, bollitura, cottura a pressione, stufatura, o sautéing veloce con olio non raffinato, spremuto a freddo.

Tuttavia, in alcune occasioni, la macrobiotica consente di cuocere alla griglia, al forno, arrosto, padella, friggere o mangiare cibo crudo.

Inoltre, se si segue la dieta macrobiotica, si può mangiare solo due o tre volte al giorno. Non ci sono spuntini tra i pasti.

E contrariamente a quanto la mamma ci diceva, non c’è bisogno di finire tutto nel piatto. La macrobiotica ci esorta a fermarci prima di essere pieni. Si dice che con questo si impara a ottenere una migliore attenzione del proprio corpo e delle proprie abitudini alimentari.

Quante volte bisogna masticare il cibo nella dieta macrobiotica?

Dieta macrobiotica: cosa mangiare

Questo non è uno scherzo, lo giuro.

Quando i macrobiotici mangiano, abitualmente prendono il tempo per essere grati per il loro cibo, spesso riflettendo su madre natura e gli agricoltori che si sono uniti insieme per portare il loro cibo a loro.

Ma, fanno anche in modo di masticare ogni boccone del loro cibo almeno 50 volte. I sostenitori della Macrobiotica credono che se si mastica il cibo fino a quando non viene liquefatto, sarà più facile per il vostro corpo a digerire.

Tutti i torti non hanno, infatti molti studi hanno dimostrato che masticare il cibo per un po’ aiuta nella digestione.

Non solo il cibo si rompe in pezzi più piccoli, ma gli enzimi nella saliva iniziano a pre-digerire il cibo in modo che sia più facile dal sistema digestivo. Il cibo più semplice è da digerire, più sostanze nutritive il corpo sarà in grado di assorbire.

Quando le particelle più grandi di cibo masticato entrano impropriamente nello stomaco, possono rimanere non digerite quando entrano nell’ intestino. Lì, i batteri cominciano a fare il loro lavoro, o in altre parole il cibo non digerito inizierà a putrefarsi, e potrebbe condurre a gas e gonfiore, diarrea, stipsi, dolore addominale, crampi e altri problemi digestivi.

Inoltre, dal momento che ci vogliono circa 20 minuti per il nostro cervello per segnalare alla pancia che siamo pieni, prendendo più tempo per masticare in realtà dà ai nostri corpi abbastanza tempo per mangiare solo ciò di cui si ha bisogno, invece di esagerare.

Gli studi hanno dimostrato che le persone che richiedono più tempo per masticare il cibo non solo consumano il 10% in meno di calorie, ma si sentono più piene quando hanno finito.

Secondo una ricerca americana, si dovrebbe masticare i cibi più morbidi 5-10 volte, e gli alimenti più densi come carni e verdure fino a 30 volte prima di deglutire.

Quanto è sana la dieta macrobiotica?

Dieta macrobiotica: cosa mangiare

Anche se i sostenitori macrobiotici sostengono che la loro dieta può prevenire il cancro, o addirittura eliminare il cancro, non ci sono studi scientificamente sostenuti che lo dimostrano.

Tuttavia, la dieta macrobiotica può essere buona per coloro che soffrono di diabete di tipo 2.

Secondo uno studio pubblicato nel World Journal of Diabetes, la dieta macrobiotica, che è una dieta ricca di carboidrati, cereali integrali e verdure, senza grassi animali o proteine o zuccheri aggiunti; è stata trovata a migliorare in modo significativo gli indicatori di controllo metabolico, tra cui glicemia a digiuno, emoglobina glicosilata, profilo lipidico sierico, indice di massa corporea, il peso corporeo e la pressione sanguigna.

Si tratta di un nuova ricerca per cui bisogna approfondirla di più, ma finora i risultati sembrano promettenti per i diabetici.

Una ricerca pubblicata sul Journal of Nutrition ha dichiarato che, i bassi livelli sierici dei lipidi e la pressione sanguigna nelle persone che seguono una dieta macrobiotica suggeriscono che sia una strategia efficace di prevenzione per le malattie cardiovascolari.

Anche se questi sono risultati sorprendenti, ci sono alcune contro indicazioni nella dieta macrobiotica sotto forma di carenza di nutrienti.

Integratori nella macrobiotica

Dieta macrobiotica: cosa mangiare

Dal momento che chi fa una dieta macrobiotica segua una dieta simile a e vegetariani, condivide anche le stesse carenze vitaminiche e minerali.

Uno studio ha scoperto che i tassi più alti di carenza di vitamina B-12 sono stati segnalati tra i vegani rispetto ai vegetariani e tra gli individui che avevano aderito ad una dieta vegetariana dalla nascita rispetto a quelli che aveva adottato una dieta più avanti in vita.

La vitamina B-12, un nutriente essenziale, si trova in genere nei prodotti animali e frutti di mare quindi vorrei considerare l’aggiunta di questo integratore a qualsiasi dieta macrobiotica.

Chi segue la Macrobiotica spesso ha carenze anche di vitamina D. La maggior parte delle persone assorbono questa vitamina da prodotti lattiero-caseari come latte e formaggi e pesci grassi come tonno e salmone, ma dal momento che questi sono off limits, c’è bisogno di mangiare un sacco di verdure scure come cavoli, cavolo cinese.

Considerazioni finali

Dieta macrobiotica: cosa mangiare

Se credete in qualcosa di abbastanza forte, si avrà la massima attenzione per garantire che funzioni. Quindi, se vi impegnate a mangiare consapevolmente e fare in modo di acquistare solo prodotti locali, biologici, allora si sta andando verso la felicità della macrobiotica.

E forse tutti noi dovremmo imparare ad essere più presenti e attenti all’alimentazione del nostro corpo.

Sappiamo che le diete ricche di cereali integrali e verdure sono sane. Sappiamo anche che limitare zuccheri raffinati e cibi elaborati ci farà ancora più felici. Ma io non sono abbastanza sicuro che troverò lo stesso tipo di illuminazione spirituale con la macrobiotica.

Io credo che, finché si sta mangiando cibi sani, si sta facendo attività fisica, si sta evitando il cibo spazzatura, allora si sta facendo molto meglio di altre persone che non si preoccupano quasi più della loro salute.

Pensi che si potrebbe seguire una dieta macrobiotica? Fammi sapere nei commenti!
Mi raccomando condividi tramite i social questo articolo. Un bacio a presto!

Ti potrebbe interessare:

Updated: dicembre 1, 2016 — 3:49 am
loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il gusto della salute © 2016 Privacy | Cookie

Pin It on Pinterest

Share This